Maria: termine immediato di riparazione

[…] La riparazione mariana, intesa come atto di omaggio compensativo delle ingiurie rivolte alla Madonna, sebbene abbia qualche inizio già nel secolo X, si sviluppa soprattutto a partire dal secolo XIX. Indubbiamente Maria, orientata com’è a Dio, vuole che la riparazione abbia come oggetto i peccati in quanto sono offesa a Dio e ingratitudine verso il suo amore infinito.

Tuttavia ella non può essere insensibile alle bestemmie e all’indifferenza nei suoi riguardi, a ciò che le impedisce di esercitare il suo ruolo mediatore di un più intimo e perseverante incontro con Cristo. Se nelle apparizioni si è mostrata triste, ciò significa che la sua condizione glorificata coesiste con un certo dolore, difficile a spiegare, dovuto alla non ancora avvenuta glorificazione di tutti i suoi figli e ancor più alla loro infedeltà all’alleanza d’amore con Dio. Pertanto è legittimo entrare in rapporto personale con la Vergine, consolandola e compensandola in qualche modo per quella proclamazione di beatitudine e di lode che le viene negata. Forse non solo i mistici sono capaci di mettersi in sintonia con queste realtà e di percepirle; in ogni caso sono i cuori sensibili e delicati a comprendere e ad attuare le esigenze riparatrici.

Ogni cristiano che ami il suo Signore fino al sacrificio, sull’esempio di Maria Santissima, traccia nel mondo del potere, della dominazione e dell’odio la via più bella e necessaria alla società attuale: quella stessa percorsa da Cristo e da sua Madre.

Giuseppe Daminelli

Tratto dalla Rivista “Madre di Dio” – gennaio 2010

www.stpauls.it

 

Il linguaggio dei mistici

Se vogliamo evitare l’incomprensione e sovente addirittura la persecuzione dei mistici, bisogna riconoscere che il loro linguaggio non ha il più delle volte un senso analogico o iperbolico.

Infatti, per esprimere le loro esperienze divine, i mistici devono ricorrere a parole che normalmente adoperano per esprimere le cose naturali. Senonchè queste parole sono incapaci ad esprimere in modo adeguato le realtà soprannaturali che sono ineffabili. Quando i mistici esprimono le loro esperienze spirituali, non si deve dare alle loro espressioni un senso materiale e assoluto, altrimenti si potrebbero attribuire a loro degli errori teologici e addirittura eresie, che sono in realtà completamente fuori dai loro pensieri.

I mistici vivono in una grande intimità con Dio e percepiscono profondamente la distanza che li separa dall’infinita Santità di Dio, cioè che è normalmente sufficiente per mantenerli nell’umiltà.

I mistici intendono esprimere dei misteri piuttosto che dei ragionamenti.

Per non considerarli come degli stravaganti, bisogna avere al semplicità dello Spirito d’Amore. I termini mistici non sarebbero più veri se si prendessero alla lettera come teologia ordinaria:

“L’intelligenza passa da un vocabolario concettuale ad un altro, come passa dal latino, al cinese o all’arabo”, scriveva Jacque Maritain. Certo che se, ascoltando o leggendo i mistici, si tenesse conto di queste osservazioni si eviterebbero molte e gravi ingiustizie a loro riguardo.

I mistici sono dei parafulmini spirituali per la Chiesa e per il mondo: essi meritano un trattamento ben differente di quello di cui sovente rimangono vittime.

 

Père Ovila Melançon

Da Chretiens Magazine Uin ‘98

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *